Nel seicento si insediarono a Gorizia numerosi ordini religiosi, Gesuiti, Cappuccini, Carmelitane, Dominicani, che ebbero il merito di arricchire la vita religiosa, culturale e civile dei goriziani.

Nel 1672, mentre regnava l’imperatore Leopoldo I, arrivarono a Gorizia, provenienti da Vienna sei suore Orsoline, vi fondarono un convento e un collegio, fecero costruire un complesso comprendente vari edifici, la chiesa ed aprirono la prima scuola femminile italiana in città avviando l’insegnamento del ricamo e del merletto.

I merletti fecero la loro comparsa a Gorizia già il secolo precedente e venivano utilizzati nell’abbigliamento, nell’arredamento, nei corredi e negli arredi delle chiese.
I primi manufatti prodotti dalla scuola goriziana erano disegnati dalle suore fondatrici e poiché provenivano da Liegi e Praga, dove la lavorazione del merletto era fiorente, le loro creazioni evidenziavano gusti fiamminghi e boemi e rappresentavano motivi geometrici e raffigurazioni di animali o di motivi floreali su maglie di vario tipo, distaccandosi dalla tradizione veneziana per l’uso dei fuselli anziché dell’ago.

La loro destinazione era elitaria, come si può dedurre dalla qualità dei pizzi che ancora si conservano nei Musei Provinciali di Gorizia, come pure dalle trine raffinate nei ritratti dei personaggi importanti, dai parametri e dagli addobbi ecclesiastici.

Nel XVIII secolo la produzione di merletti era florida nel Goriziano, attività prevalentemente femminile, talvolta pure maschile, che si affiancava a quella agricola ed essendo prodotti che rientravano in un’economia di sussistenza l’attività non era regolamentata.

Nel corso dell’ottocento proseguì tale attività artigianale ed artistica com’è testimoniato dalle numerose esposizioni che si succedettero e la lavorazione fu arricchita di nuovi motivi stilistici.

Sull’onda di movimenti come le Arts and Crafts in Inghilterra e la Wiener Werkstatte a Vienna, alla fine dell’Ottocento i merletti videro una valorizzazione ed un rinnovamento e vennero aperte altre scuole.

Nel 1946, dopo la fine della seconda guerra mondiale, venne istituita a Gorizia la Scuola Merletti statale dando avvio al primo corso d’insegnamento.
L’introduzione del colore e l’esecuzione di figure di animali o motivi floreali eseguiti con filati sottilissimi davano origine a capolavori di minuzia e precisione. Con il passare degli anni la scuola si espanse e vennero aperti corsi di merletto in tutta la regione.

Nel 1979 la scuola merletti passò alle dipendenze della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia.

indirizzo

via Roma n. 14 34170 - Gorizia

recapiti

Tel: + 39 0481 386463

Fax: + 39 0481 532009